artisti arte contemporanea

Sogno Floreale Astratto

BBS ART

sogno floreale astratto immagine evocativa in dominante di colore arancione con forme fluide astratte sogno floreale astratto immagine evocativa in dominante di colore arancione con forme fluide astratte

Immagine evocativa di sogno di un fiore astratto con dominante di colore arancione con forme fluide astratte.

Immagine da acquistare con licenza Rights Managed per utilizzo commerciale .

Acquistare licenza d’uso immagine

View original post

Annunci
astrazione di forme fluide
artisti arte contemporanea

Astrazione di Oggetti Fluidi

Art Online

astrazione di oggetti fluidi, immagine a colori screziati con immagini fluttuanti opera di arte di fusione di immagini astrazione di oggetti fluidi, immagine a colori screziati con immagini fluttuanti

Oggetti fluidi astratti, immagine a colori screziati con forme fluttuanti

Barbara Stamegna, pittrice e Bruno Paolo Benedetti, fotografo, hanno

dato vita a un nuovo progetto artistico che consiste nel fondere le loro due arti in un’unica e innovativa produzione artistica che hanno nominato “PP Art”.

La Fusione di Pittura e Fotografia è il risultato di un’elaborazione di fotografie di dipinti e foto di arte digitale da foto. Attraverso la fusione di queste due differenti produzioni artistiche è nato questo nuovo marchio, la PP Art.

Compra licenza dell’immagine

View original post

fotografia digitale e di pittura fuse in unica immagine di colore rosa
articoli

PP Art, come unire fotografia e pittura

composizione multicolore astratta con screziature, opera di fotografia e pittura unite in un'unica immagine
composizione multicolore astratta con screziature, opera di fotografia e pittura unite in un’unica immagine

Che cosa significa PP Art? E’ una fusione fra l’arte della fotografia e della pittura.

Barbara Stamegna, pittrice e Bruno Paolo Benedetti, fotografo, hanno dato vita a un nuovo progetto artistico che consiste nel fondere le loro due arti in un’unica e innovativa produzione artistica che hanno nominato “PP Art”.

La Fusione di Pittura e Fotografia è il risultato di un’elaborazione di fotografie di dipinti e foto di arte digitale da foto. Attraverso la fusione di queste due differenti produzioni artistiche è nato questo nuovo marchio, la PP Art.

Il risultato sono opere artistiche di elevato impatto visivo, dove la fusione delle due forme di arti visuali sviluppa nuove immagini più impressionanti dove i colori e le forme sono mescolati in una nuova e unica forma.

Il risultato di queste immagini astratte è costituito da forme fluide fluttuanti con linee dritte o curve, cerchi a forme concentriche, chiaroscuri dai colori vividi, allusioni a facce umane o figure costituite da colori brillanti o tenui, che stimolano nello spettatore molti spunti per la sua immaginazione e creatività.

Le opere mixate di PP Art (Photography Painting Art) accompagnano l’osservatore in un mondo eterico fatto di sensazioni, emozioni, sentimenti, che fanno scaturire domande e immagini profonde di forte ispirazione religiosa.

Vendita licenze d’uso delle immagini 

ingrandimento di un particolare in foto astratta
corsi, diario di Antares, eventi

serata sul potere di trasformazione e liberazione delle emozini

locandina corso su intelligenza emotiva a cesenatico
serata su trasformazione e liberazione delle emozioni a Cesenatico

Serata gratuita sul potere di trasformazione e liberazione delle emozioni a Cesenatico, presso Hotel Miramare, via Carducci 2, mercoledì 2 dicembre 2015 ore 21. La serata è organizzata con il patrocinio della Libreria Esoterica di Cesenatico e sarà condotta dal dr. Bruno Paolo Benedetti e dalla dott.ssa Maria Cristina Guberti.

Il potere di trasformazione e di liberazione delle emozioni alla scoperta delle nostre risorse e dei nostri talenti. La serata sarà introdotta attraverso un percorso emotivo esperienziale.

Vi aspettiamo.

piramide di cristallo che fonde. rappresentazione simbolica della nigredo, l'opera al nero, il primo stadio dell'alchimia
articoli, diario di Antares

presentazione corso sulle emozioni il giorno 6 novembre a Forlì

locandina presentazione a forli corso associazione antares
locandina di presentazione del corso sull’intelligenza emotiva

Il giorno 6 novembre alle ore 18,30 verrà presentato presso la sede del ristorante Verdepaglia Bistrò, già sede dell’Ape Bianca, in via Bologna 277 a Forlì, il corso Alchimia delle Emozioni. La presentazione verrà tenuta dai relatori dott. Bruno Paolo Benedetti, formatore e dalla dott.ssa Maria Cristina Guberti psicologa. L’ingresso è libero ed è aperto a chiunque voglia approfondire le tematiche relative all’intelligenza emotiva legata all’arte. Per informazioni compila il form sottostante

 

artisti arte contemporanea, bruno paolo benedetti, corsi su emozioni

come si svolge il percorso esperienziale sull’arte di Antares

Maria Cristina Guberti e Bruno Paolo Benedetti

Il  percorso esperienziale sull’arte dell’Associazione Gruppo per l’Arte Antares parte da una considerazione che pensiamo possa connotare la nostra filosofia: l’arte crea emozioni.  L’artista è colui che, interpretando la realtà nelle sue svariate forme, si rivolge a quella area emotiva della nostra personalità che la scienza ha individuato come sistema limbico, ovvero quella parte del nostro cervello che è deputato alla nascita delle nostre emozioni.

L’arte, con il suo linguaggio iconico,  si rivolge a quella parte di noi  che abitualmente connotiamo come emisfero destro, maggiormente implicato in una visione globale, deputato ad una funzione analogica, sintetica e spaziale,  in grado di liberare  le nostre intuizioni ed emozioni.  L’artista, con le sue opere, è in grado si suscitare emozioni attraverso quella chiave necessaria per aprire la porta che conduce al mondo dell’immaginario e delle sensazioni. Ma è lo  spettatore che si rende partecipe e consapevole delle proprie percezioni e sensazioni. Attraverso la propria fantasia e la propria  rielaborazione  dell’immagine è in grado di  portare alla luce quei vissuti interiori che l’opera d’arte gli ispira.

Il  percorso esperienziale sull’arte si basa sull’accompagnamento lungo un cammino che man mano  svela nuove angolazioni e nuove prospettive sulla nostra capacità di percepire,  osservare, sentire, immergerci  in quel sentiero che la nostra immaginazione ci evoca. Fermarci ad osservare quello che vediamo e riflettere su quello che un’immagine ci evoca è un passo verso la consapevolezza delle nostre percezioni ed emozioni. Fermarci a riflettere su quello che l’immagine riporta di noi alla superficie e riscoprire dettagli nascosti che l’opera d’arte ci svela ad una più attenta osservazione è lo scopo del nostro percorso.

Nei nostri percorsi esperienziali  sull’arte i partecipanti vengono condotti  durante pochi minuti  iniziali ad immergersi nelle opere, per portare alla luce i propri vissuti narrativi. Attraverso la scelta di una delle opere che più lo coinvolge,  lo spettatore viene accompagnato verso la scoperta di quelle sensazioni  che questa gli  evoca.

Terminata la fase iniziale d’induzione inizia una fase di libera espressione  e confronto su quanto avvertito durante il percorso. Chiamiamo questo nostro primo modo di approccio all’arte percorso esperienziale proprio perché si basa sulla esperienza che ognuno fa in questa interazione con l’opera d’arte. Lo spettatore passa da oggetto passivo, a soggetto attivo, che crea una sua propria opera d’arte,  attraverso la costruzione di propri vissuti  ed mozioni, partendo da quella con la quale ha interagito.

I nostri percorsi esperienziali sull’arte, condotti da Maria Cristina Guberti e Bruno Paolo Benedetti sono completamente gratuiti e vengono fatti anche su richiesta nei casi in cui si desidera sviluppare la propria creatività.

articoli, diario di Antares

percorso interattivo con le opere d’arte a Forlì

spirale di luce su sfondo nero
spirale di luce su sfondo nero

Domani 25 settembre a partire dalle ore 18,15 e sabato 26 settembre a partire dalle ore 18, verranno tenuti i percorsi esperienziali di interazione con le opere d’arte organizzato dall’Associazione gruppo per l’Arte Antares. I percorsi guidati verranno condotti dal dott. Bruno Paolo Benedetti e dalla dottoressa Maria Cristina Guberti. i percorsi sono stati organizzati nell’ambito delle manifestazioni indette dagli organizzatori di art in box di Forlì, che prevedono la presentazione di libri e spettacoli di clown. i percorsi guidati di interazione con le opere d’arte verranno fatti a seguire. L’associazione Gruppo per l’Arte Antares espone nello stand 1255 sculture di Luigi Foscolo Lombardi, dipinti di Corrado Catani e arte digitale da fotografia di Bruno Paolo Benedetti.Per informazioni compilare il form sottostante.

articoli, diario di Antares

foto dei membri del consiglio direttivo associazione gruppo arte antares

consiglio direttivo associazione gruppo arte antares
i membri del consiglio direttivo dell’associazione gruppo per l’arte antares

Da sinistra vediamo il segretario e tesoriere Foscolo Lombardi , il presidente Bruno Paolo Benedetti e il vice-presidente Corrado Catani. Alle spalle un’opera di Corrado Catani.

articoli, diario di Antares

presentazione del Progetto Antares a Forlì

Presentazione del progetto Antares

Il giorno 7 di aprile si è tenuta la presentazione del progetto Antares nella città di Forlì. La presentazione si è svolta presso la esposizione personale di  Bruno Paolo Benedetti alla presenza di membri dell’Associazione Artisti Dovadolesi e della loro presidentessa Serena Venturelli. Bruno Paolo Benedetti ha presentato gli obiettivi del progetto, analizzando il contesto culturale nel quale si trova attualmente il fruitore dell’arte contemporanea. Da questa analisi emerge come sia ormai divenuto importante, specie dopo l’avvento di internet,  un fattore come quello della interattività. In questo contesto la persona passa da semplice oggetto della comunicazione a soggetto che interagisce direttamente con chi gli fornisce l’informazione, piuttosto che il servizio. Questo lo vediamo nei social networks, nei blog e nello stesso youtube, dove lo spettatore, piuttosto che il lettore, possono pubblicare i propri commenti e dar vita a loro volta a discussioni. In questo modo l’individuo diventa parte, attore egli stesso di una propria comunicazione. Non ha più a che fare con un foglio di giornale o una trasmissione che non può commentare e subire in modo totalmente passivo, qualunque sia il tipo d’informazione che gli viene proposto. In questo contesto si sviluppa l’arte contemporanea, materia della quale si occupa il Progetto Antares. E’ quindi importante tenere presente quali siano le tendenze della società contemporanea per poter mettere a punto una modalità di fruizione che sia in linea con questi sviluppi. D’altro canto l’arte contemporanea è di per sè, per definizione, una espressione di avanguardia, un forma che propone elementi di novità in termine d’immagine, materiali e strumenti di creazione. Quindi perchè non proporla in modi altrettanto innovativi, accanto a quelli tradizionali?

Proprio in risposta a questa domanda Valentina Scherma ha presentato una di queste modalità di presentazione, proponendo momenti di analisi delle opere visti da una prospettiva che riporta alla sfera emotiva di ogni individuo, ai quali è poi seguito un dibattito proprio su queste emozioni. Si ha quindi avuto modo di analizzare le due modalità di intervento del progetto Antares, dove l’individuo parte dall’opera per analizzare quanto questa risvegli emozioni e sensazioni. Si è discusso anche dell’importanza della presenza degli artisti che espongono in queste fasi, oppure in un momento espressamente dedicato.

L’interesse destato è stato decisamente alto e si sono delineati in modo molto chiaro i criteri con i quali si muove il progetto Antares e che possono essere schematizzati in modo efficace.

Come opera il Progetto Antares

In primo luogo non viene in alcun modo accantonato né quanto meno stravolto quanto fatto fino ad oggi per presentare l’arte al pubblico. Il modo di accostarsi all’arte contemporanea del Progetto Antares si svolge all’interno degli ambiti fin qui conosciuti e che possono essere, fra i tanti comunque possibili, le mostre e le esposizioni che noi ben conosciamo. In questo contesto consolidato vengono dedicati dei momenti, per coloro che sono interessati, nei quali si sperimenta il modo di approccio proposto con il Progetto Antares. Una cosa importante da sottolineare è come questa esperienza sia di carattere modulare, e cioè come venga proposta nei modi più consoni alle caratteristiche di ogni singolo individuo, prestando attenzione a come ognuno ami interagire con gli altri in modo diverso e non uniforme. Sono infatti stati messi a punto tre modi differenti per vivere questa esperienza  che prevedono gradi di coinvolgimento più o meno profondi. Si va quindi da una esperienza nella quale lo spettatore verrà accompagnato nella visione delle opere tramite delle sollecitazioni che verranno proposte da parte di persone dello staff del Progetto Antares, oppure, in via alternativa a solo dei momenti di dibattito a fine visita sulle emozioni risvegliate dalle opere. I due percorsi sono fra di loro alternativi e starà al visitatore scegliere preventivamente quello che maggiormente si attaglia alle proprie esigenze. Tengo a ribadire come nessuno dei due percorsi sia imposto, ma sia frutto di una proposta che verrà sottoposta al gradimento delle persone di modo che conoscano queste due possibilità e possano scegliere, se lo desiderano, quella che preferiscano.

Va da sè che il metodo proposto dal progetto Antares contribuisce in modo significativo alla comprensione dell’arte contemporanea. Aiuta infatti l’utente a comprendere in modo migliore che cosa stia alla base di un’opera d’arte contemporanea, dove l’immagine sfuma in forme e colori che lasciano spazio a sensazioni ed emozioni tutte da scoprire o che già, in modo inconscio, sono state risvegliate nell’individuo. Quello proposto dal Progetto Antares è un modo nuovo ed efficace per diffondere la conoscenza dell’arte contemporanea e fare cultura sull’arte contemporanea.